Horst Fantazzini

biografia bibliografiascritti di horstormai è fatta! libro e filmopere di horstiniziative, incontri, memoriemail art, mostra itinerantelinkchi siamocontatti

 

Ciak, 1 giugno 1999
Stefano Lusardi


Non sempre una buona storia garantisce un buon film. Onore al merito, dunque, ad Enzo Monteleone, che oltre ad offrirci una sempre più rara boccata d'aria pura (leggi "intelligente") alla larga dai soliti comici, ha lavorato con pregevole acume sia come sceneggiatore che come regista. Nel primo caso ha saggiamente tradito la biografia di Horst Fantazzini, concentrandosi su un solo episodio che riassume l'identità del personaggio e l'amara assurdità della sua vicenda. Come regista si è messo al servizio della storia, tenendo d'occhio un modello eccellente come Quel pomeriggio di un giorno da cani, ma scegliendo uno stile pacato, senza effetti, quasi colloquiale. Regalandoci un'immagine inedita della realtà carceraria e finalmente credibile dell'Italia anni '70. E offrendo al bravo Stefano Accorsi un'altra bella occasione di crescita dopo Radiofreccia.