Horst Fantazzini

biografia bibliografiascritti di horstormai è fatta! libro e filmopere di horstiniziative, incontri, memoriemail art, mostra itinerantelinkchi siamocontatti

 

Articoli


Per Horst

Horst non è "un ingenuo che non è stato capace di essere generoso con se stesso" come una compagna ha affermato. L'ingenuità è uno stato di incoscienza che non è mai appartenuto al bagaglio ideale ed alla coerenza del suo essere anarchico, tutt'altro. Tanti possono definirlo poeta, scrittore, pittore, io penso che è semplicemente un'intelligenza viva che riesce ad avere una visione critica, costruttiva, comunicativa, come pochi altri possono permettersi; in lui tutto è naturale, spontaneo, umano, ricco di quella ricchezza interiore che lascia stupiti tutti.
Personalmente ho avuto il piacere ed il privilegio di conoscerlo nel 1974. Lui arrivava dal carcere di Sulmona dopo una tentata evasione che gli aveva procurato una frattura, per cui fu trasferito al centro clinico del carcere di Perugia dove ci conoscemmo.
Sull'ingessatura che immobilizzava la sua gamba aveva scritto: "free...free...free....I want to be free" la cosa mi colpì molto e non avendo nozioni di lingua inglese gli domandai il senso di quella scritta e da allora tutti i giorni andavo a fargli compagnia, in quelle occasioni conobbi anche Libero (suo papà). L'opportunità non andò per le lunghe, in conseguenza di una protesta fui trasferito a San Gimignano, persi quasi del tutto i contatti con Horst, qualche cartolina per salutarci, le nostre strade si divisero ed ognuno visse il dramma delle carceri di rigore e dei manicomi giudiziari. Nonostante la brevità di tempo, quest'uomo che ingenuo non era, fu capace di imprimere con il confronto quotidiano, il seme dell'Anarchia nella mia coscienza ideale. Un patrimonio prezioso che ancora oggi conservo con cura, aldilà delle contraddizioni che in certi momenti vivo.
Non intendevo parlare di me, ma ho dovuto accennare a degli episodi per spiegare meglio la conoscenza del carissimo compagno Horst.
Umanità e coscienza politica non si possono scindere altrimenti è un fallimento ideale ed umano dell'individuo. Aldilà della retorica posso affermare, senza paura di essere smentito, che Horst appartiene a quella schiera di uomini coraggiosi, intrepidi, sensibili, idealisti, coerenti e coscienti della propria forza, delle proprie ragioni e principalmente delle proprie azioni, anche sapendo di dover pagare un prezzo troppo alto, è stato indomito, mai un cedimento, mai un compromesso ed io per questo lo ammiro e gli dedico un mio pensiero.
La vita è un gioco, giochiamoci la vita.
Ognuno gioca la sua partita nel modo che ritiene più opportuno. Tanti per paura di perdere quello che "hanno" rinunciano al gioco ed inermi assistono in modo passivo, altri con molta cautela giocano cercando d'imitare l'avversario per farselo "amico" ed emulare le loro nefandezze, pochi giocano d'azzardo con la coscienza di sapere anche di poter perdere. Perdere non vuol dire uscire sconfitto dalla contesa, non dipende dalla volontà o incapacità soggettiva.
Il gioco è duro, l'avversario è spietato, crudele, baro, bisogna stare molto attenti per prevenire ed evitare il bluff! In ogni modo vale la pena di rischiare, in gioco c'è l'essenza della propria dignità esistenziale racchiusa nella convinzione ideale del concetto di libertà e del profondo senso umano di fraterna solidarietà.
Giocare d'azzardo vuol dire essere vivi, palpitanti, partecipi anche se contro corrente in questa società prevaricante, oppressiva, discriminante, assassina, che vuole tutti allineati, ubbidienti, sottomessi al potere di pochi criminali che si arrogano il presunto diritto di voler governare gli altri; il loro unico scopo è la salvaguardia dei privilegi acquisiti con il terrore, la meschina potenza delle armi, il dominio psicologico delle menti. Il rischio dell'azzardo nasconde subdole e striscianti insidie, quasi sempre si paga un prezzo troppo alto, ciò è prevedibile, nonostante tutto, qualcosa dentro di te ti da quell'energia necessaria, quella convinzione profonda di difendere i tuoi diritti "costi quel che costi".
L'azzardo è quel senso di responsabilità verso se stessi, quella sicurezza della convinzione che si irradia investendo tutto quello che ti circonda, è la coscienza dell'essere di quello che si vuole, con la forza ed il coraggio di spendere tutte le tue energie per la realizzazione del fine preposto.
Unico, vero uomo con il coraggio della consapevolezza di restare bambino per una società diversa, tutta colorata, irradiando il mondo con un sorriso e le tue mani tese…

Sabatino Catapano ("Lotta di Classe", gennaio 2002)