Horst Fantazzini

biografia bibliografiascritti di horstormai è fatta! libro e filmopere di horstiniziative, incontri, memoriemail art, mostra itinerantelinkchi siamocontatti

 

Articoli

Ricordando... Horst Fantazzini
Umanità Nova, n. 1, 13 gennaio 2002

LIBERI TUTTI. Con questo striscione che ne precedeva il carro funebre, Horst Fantazzini ha lasciato i compagni, le compagne, amici e parenti.
Si è svolto sabato 29 dicembre il funerale in forma a-religiosa. Presso il cimitero della Certosa di Bologna si sono riunite oltre 200 persone, in massima parte compagne e compagni anarchici. Nella sala del Pantheon si è svolta la cerimonia di commiato dove hanno preso la parola Patrizia, Chiara, Giorgio, Sabatino, Salvatore, Laura e Walter, ognuna ed ognuno con un ricordo di Horst. Si è poi formato un piccolo corteo che ha accompagnato per un breve tratto il carro funebre, con le note di "Addio Lugano bella" prodotte dalla fisarmonica di Gloria e dalla tromba di Giorgio e lo striscione "Liberi tutti" che apriva il corteo. C'era anche lo striscione dei compagni del Movimento Anarchico Fiorentino "né stati, né religioni, né servi, né padroni". C'erano tante bandiere ed ovviamente anche quella della Federazione Anarchica Bolognese che suo padre, Alfonso "Libero", aveva lasciato ai compagni.
Horst è morto il 24 dicembre intorno alle 20 a causa di un aneurisma addominale. La morte lo aveva colpito nel carcere della Dozza dove dimorava ormai da due anni. Ma la sua condizione di detenuto era cambiata. Dopo un breve periodo di semilibertà, di vita seminormale, da alcuni giorni era tornato ad essere un detenuto a tempo pieno, un rapinatore "gentile", un bandito dalla società. Il 19 dicembre, infatti, era stato arrestato assieme a Carlo Tesseri, in fondo a via Mascarella con l'accusa di aver tentato una rapina alla Banca Agricola Mantovana.
Al diffondersi della notizia della morte di Horst si sono diffuse le voci più varie, anche quelle di una sua morte "incidentale". L'autopsia che si è svolta alla presenza di un medico di parte nominata dai figli Luigi e Loris e le testimonianze di alcuni reclusi, hanno fugato ogni dubbio e preoccupazione. Horst è stato subito soccorso e rianimato ma un secondo, fatale attacco, lo ha stroncato. Una morte banale ma una fine dignitosa di una vita in cui la dignità con la quale ha affrontato mille traversie è stato il tratto caratteristico della sua figura.
È nota, soprattutto ai lettori di Umanità Nova, la sua vicenda umana. Giovane operaio alla fine degli anni sessanta mise in pratica le considerazioni di Bertold Brecht "è più criminale fondare una banca che svaligiarla". Ma, contrariamente alle cronache rosa-nere che lo hanno reso famoso non fu mai un uomo della "mala". Agiva sempre da solo o con pochi amici. Rispondeva sempre in prima persona del suo operato, non incitava altri ad emularne le gesta, non usava armi da fuoco e prendeva ciò che riteneva "strettamente necessario".
La sua lunga detenzione è iniziata nel 1973 dopo il suo tentativo di evasione dal carcere di Fossano culminato con il suo linciaggio da parte dei carabinieri del generale Dalla Chiesa. Questo fatto era stato da lui raccontato nel libro "Ormai è fatta" dal quale è stato tratto l'omonimo film proiettato in pochissime sale cinematografiche nell'estate del 1999. Aveva conosciuto le galere europee già diverse volte negli anni precedenti. Ma ha fatto 16 anni di carcere continuativo e senza permessi, fatto talmente raro da averne fatto un caso giudiziario. Aveva infatti ottenuto un permesso nell'inverno del 1989 e ne aveva approfittato per riprendersi un po' della sua vita. Era stato nuovamente arrestato nell'estate del 1991 in un'operazione che aveva dato il via alle montature antianarchiche degli anni '90. Da questo episodio la sua nomea di "terrorista" che ha portato molti giornali ad accomunarlo o addirittura ad affiliarlo alle Brigate Rosse. Proprio lui che, attivo partecipe di tutte le rivolte carcerarie, aveva combattuto non solo il potere dei secondini "di stato" ma anche quello dei secondini del "potere rosso" e, per questo, era stato oggetto di percosse da parte di detenuti istigati dal "fronte delle carceri".
Un uomo libero, indomito fino alla fine. Una vita vissuta con dignità, una dignità che, alla fine, gli hanno dovuto riconoscere anche i forcaioli ed i borghesi. Se qualche ombra resterà sulla sua vita, questa sarà determinata esclusivamente dalla sua grande generosità.

Fonte: materiali raccolti sul sito di Contropotere http://www.ecn.org/contropotere/horst/